Proposte di lettura
Miniatura copertina
La paghetta perfetta : Come educare i figli all'uso del denaro su basi scientificheLa paghetta perfetta : Come educare i figli all'uso del denaro su basi scientifiche / Emanuela E. Rinaldi ; [prefazione di Enrico Bertolino , con le domande chiave di Debora Rosciani e Mauro Meazza]. - Milano : Il Sole 24 Ore, © 2022. - xv, 157 p. ; 21 cm.Interrogarsi sul significato del denaro può sembrare una domanda insensata. Non è così, poiché molti soldi vengono spesi inutilmente per acquistare oggetti di consumo del tutto superflui e non necessari. Eppure pensare al denaro è essenziale, soprattutto per fare capire il suo valore ai bambini e ai ragazzi, un argomento presente per loro ovunque, dalle fiabe, al cinema, in televisione e nei discorsi che si fanno in famiglia. Abituare i figli a utilizzare i soldi in maniera intelligente senza sprecarli è tuttavia un compito nel quale i genitori a volte si trovano in difficoltà, incapaci di capire quale strumento utilizzare, ad esempio la così detta paghetta regolarmente data o il premio per i buoni voti a scuola. Diventa quindi molto utile il libro che segnaliamo - «La paghetta perfetta» - per sapere come educare i figli all’uso del danaro su basi scientifiche, come spiega il sottotitolo. Un lavoro interessante basato sulle domande poste a due esperti giornalisti - Debora Rosciani e Mauro Meazza - dagli ascoltatori di “Due di denari”, trasmissione di Radio 24, emittente de «Il sole 24 ORE» (editore del testo). Autrice/coordinatrice del volume è Emanuela E. Rinaldi, professoressa associata di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, con un curriculum di primo piano nella ricerca sulla cultura finanziaria degli italiani e autrice di numerose pubblicazioni scientifiche sul denaro. Il libro si occupa del significato del benessere finanziario, se i soldi danno la felicità, del loro legame con la qualità della vita, di come parlare di denaro ai figli, se esistono differenze di giudizio fra maschi e femmine e dei cinque principi base della finanza, selezionati dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria (istituito nel 2017 con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze) vale a dire: “abbi cura dei tuoi soldi – informati bene – confronta più prodotti – non firmare se non hai compreso e più guadagni più rischi”. Consigli utilissimi per bambini, adolescenti e adulti. Ovviamente ci si occupa anche della paghetta. «Le ricerche – troviamo scritto – indicano che la capacità di monitorare entrate e uscite (fare budget), l’autocontrollo, la progressiva autonomia nel guadagno di danaro sono fattori decisamente importanti per costruire le competenze finanziarie dei figli. Molto più della paghetta». Un testo, quello in questione, molto utile specie in una società come la nostra in cui si parla forse troppo frequentemente di denaro, ma spesso con scarsa competenza, improvvisando scelte e seguendo consigli del tutto fuorvianti. Non c’è alcun dubbio che l’argomento soldi richieda una preparazione attenta in una società sovraccarica di offerte di consumo tra i social e una pubblicità spesso ingannevole. [pg, dic 2023]
Miniatura copertina
1, Dalla Rivoluzione francese a Marcinelle : 1789-19561, Dalla Rivoluzione francese a Marcinelle : 1789-1956 . - Roma : Donzelli, © 2022. - xxix, 240 p. ; 21 cm.Marcinelle, Belgio. Alle otto del mattino dell’8 agosto 1956, a quasi un chilometro sottoterra, accadde la catastrofe. Dei 274 minatori se ne salvarono poco più di una dozzina, gli altri 262 perirono. Tra questi la maggioranza di 136 italiani, oltre a 95 belgi assieme - ma in un numero contenuto - a polacchi, greci, tedeschi, algerini, ungheresi, francesi, inglesi, russi e ucraini. Una tragedia che fece il giro del mondo e che dimostrò il pericolo affrontato da lavoratori che avevano lasciato la loro patria in cerca di lavoro, per estrarre carbone nelle profondità della terra. Ne parla Toni Ricciardi nel capitolo finale del libro che segnaliamo intitolato «Dalla Rivoluzione francese a Marcinelle (1789-1956)», primo di una collana di quattro opere sulla «Storia dell’emigrazione italiana in Europa» comprendenti il periodo dal Trattato di Roma fino all’elezione del Parlamento europeo (1957-1979), La generazione di Erasmus fino al trattato di Nizza (1987-2001) e Dall’euro al Covid (2002 2022). L’autore, uno storico di primo piano dell’argomento, insegna all’Università di Ginevra, oltre ad avere altre importanti cariche ed essere autore di numerosi studi e libri, tra cui il primo «Dizionario enciclopedico della migrazione italiana nel mondo». «Le migrazioni – scrive Ricciardi nell’introduzione – non sono mai state solo il risultato della ricerca di opportunità migliori da parte delle persone, ma anche il frutto di una complessa serie di problemi economici e geopolitici. Allo stesso tempo, le migrazioni sono probabilmente una delle chiavi interpretative, più significative, per comprendere il lungo processo della storia della globalizzazione intesa nel senso più ampio e onnicomprensivo. Pur essendo – continua l’autore – una scelta individuale, di fatto la migrazione è un’azione collettiva che cambia sempre più il paesaggio sociale, politico ed economico e culturale del mondo, un “fait social total” in grado di rimodellare, nel nostro caso il contenente europeo». Parole chiarissime e che mettono l’accento su chi osserva superficialmente il fenomeno comune ai nostri giorni. Si tratta ovviamente di una questione non semplice da studiare, come mette in luce l’autore, anche per le sue ramificazioni sociali e storiche, e il libro in questione aiuta ad affrontare lo studio sul problema, che – ripetiamo – è strutturalmente diversificato, dovendo tenere conto sia del sacrificio fisico che psicologico al quale i lavoratori si sottoponevano per trovare lavoro lontano dalla loro patria. Un testo, quello in questione, dai tratti variegati poiché l’emigrazione comprende anche aspetti culturali, come ben spiega Riccardi; pensiamo, ad esempio, al contrasto violento sviluppatosi fra italiani e irlandesi a New York negli anni Venti, che ha dato origine all’epoca dei gangster. [pg, dic 2023]
Miniatura copertina
Colpo grosso ai Frigoriferi MilanesiColpo grosso ai Frigoriferi Milanesi / Francesco Recami. - Palermo : Sellerio, © 2023. - 321 p. ; 17 cm. - (La memoria ; 1276).Siamo a Milano nel 2012, in un bar chiamato Colpo Grosso, dal nome di un noto programma televisivo di Canale Cinque. Alle 18 in punto entra un signore che indossa un elegante paltò cammello e una sciarpa di cachemire e con in mano una cartella. Il suo nome in codice è “Il solista del mitra”. Deve spiegare ad alcuni complici un consistente colpo con un bottino di losca provenienza, progettato ai Frigoriferi Milanesi, fabbricato fornito di caveau a prova di furto, in passato la Fabbrica del Ghiaccio, dove ne veniva prodotto in grande quantità per essere venduto a coloro che possedevano le ghiacciaie, antesignane dei frigoriferi. Nella zona, polo agro-alimentare di Milano, vi era il mercato dell’ortofrutta, uno ittico e i macelli, attività che utilizzavano lo scalo merci di Porta Vittoria, non più esistente come allora, ma sotterraneo. “Il Solista” spiega gli incarichi di ciascuno: il Piero dovrà essere lo specialista dei mezzi di trasporto, Faccia d’Angelo sarà l’addetto agli strumenti elettronici, la Miciona si comporterà come una sorta di Mata Hari per ottenere le informazioni necessarie, la Piccerella - dotata di capacità trasformistica - farà entrare la banda dove nessuno potrebbe, il Renè - giovane e atletico - sarà l’uomo d’azione mentre la Mantide - donna affascinante - avrà compiti seduttivi per ottenere informazioni. Così inizia il giallo «Colpo Grosso ai Frigoriferi Milanesi» di Francesco Recami, autore di numerosi libri, tra i quali «Prenditi cura di me», Premio Castiglioncello 2010 e Premio Capalbio, dallo stile di scrittura esilarante e abile nel descrivere i personaggi e gli ambienti. C’è poi la Casa di ringhiera nella quale la vita si svolge in modo litigioso e maligno, dove vivono la falsa invalida, la signorina Mattei-Ferri, il pensionato Amedeo Consonni, la professoressa Angela, il vecchio Luigi De Angelis che pensa unicamente alla sua Maserati, un allegro gruppo di studentesse di Fashion, coppie di ricchi inquilini e Camilla la bella amante di un architetto che racconta di Yutta, una splendida tedesca, sparita con una fortuna appartenente a un pensionato. Inutile raccontare la trama dagli sviluppi imprevedibili e divertenti. Il libro di Recami si legge con il sorriso sulle labbra, per non aggiungere infine “Il Nonmondo” ovvero «il posto dove vanno a finire i personaggi finzionali, quando non sono più attivi, non lavorano più non essendo impegnati in storie che abbiano una trama». Sembra insomma che lo stesso Recami si diverta nello scrivere i suoi libri. Quello che segnaliamo lo ha dedicato ad Andrea Camilleri e al suo libro “Riccardino” uscito nel 2020, un anno dopo la morte dell’autore. Come avviene nel lavoro di Recami per ammissione dello stesso autore, «Camilleri interloquisce col suo personaggio a proposito dello stato d’animo di quest’ultimo, che ambirebbe a rendersi indipendente dalle scelte dell’autore». [pg, dic 2023]
Miniatura copertina
Illusioni perdute : Banche, imprese, classe dirigente in Italia dopo le privatizzazioniIllusioni perdute : Banche, imprese, classe dirigente in Italia dopo le privatizzazioni / Pietro Modiano, Marco Onado. - Bologna : il Mulino, © 2023. - 372 p. ; 22 cm. - (Saggi ; 943).La perdita dell’illusione, come il risveglio da un sogno, è un brusco ritorno alla realtà che ci fa rendere conto che qualcosa che avevamo immaginato non si è concretizzato o, se lo ha fatto, non ha sortito gli effetti sperati. Lo è per Lucien Chardon, protagonista delle "Illusioni perdute" di Balzac, recatosi invano a Parigi per ottenere gloria letteraria e successo mondano e scontratosi con la dura realtà della società della Restaurazione. Lo stesso, come evidenzia il presente e omonimo saggio, è avvenuto per una generazione bancaria, imprenditoriale e dirigenziale che, imprimendo la svolta delle privatizzazioni, voleva trovare una soluzione all’esaurimento del miracolo economico, al conseguente accumularsi di molteplici problemi e alla lentezza delle riforme per contrastare questi ultimi. Lo sanno bene Pietro Modiano, negli anni al vertice di diverse tra le principali banche della penisola, e Marco Onado, docente all’Università Bocconi e commissario Consob dal 1993 al 1998. I due, autori di questo libro, hanno vissuto in prima persona il periodo di privatizzazioni di banche e imprese degli anni Novanta, inaugurato dall’allora capo di governo Carlo Azeglio Ciampi, e lo ricordano qui come un momento di profonda fiducia ed entusiasmo. Il cambio di passo che idealmente avrebbe dovuto risollevare l’Italia non solo economicamente (riducendo il debito pubblico e allocando le imprese a soggetti in grado di massimizzarne il valore) ma anche socialmente (aprendo la strada anche a nuove riforme e garantendo una classe dirigente competente e adeguata). Purtroppo, questa rivoluzione (così come quella coeva della moneta unica) non ha trasmesso al resto dell’economia un cambiamento proporzionale, anzi, ha accentuato il divario tra la situazione italiana e quella degli stati circostanti. Perché il sogno non si è avverato? Dove cercare le cause di quest’occasione perduta? Nelle banche, nelle imprese o nella classe dirigente? Prendendo come pietre angolari questi interrogativi i disillusi autori presentano una lucida analisi e un dettagliato bilancio di un fondamentale punto di snodo nella storia economica del nostro Paese. [as, febbraio 2024]
Miniatura copertina
L'albero delle teste perduteL'albero delle teste perdute / Bruno Gambarotta. - San Cesario di Lecce : Manni, © 2022. - 175 p. ; 21 cm. - (Pretesti).Carlo Maria, venticinquenne aspirante archivista appassionato di genealogie, viene ingaggiato da una famiglia di setaioli per tentare di stabilirne la discendenza nobiliare: sarebbe bello avere uno stemma nel logo dell’azienda. Carlo Maria entra così a far parte della squadra, un po’ scalcagnata, del setificio Brusapaglione: c’è il furbo capostipite, detto il Boss, i figli Sebastiano, che tenta di conquistare la stima paterna, e Valentina dall’animo artistico, la segretaria Irene, di cui il protagonista si innamora. Ma quello che scopre Carlo Maria non è un antenato nobile, bensì una parentela in linea diretta con l’ultimo boia di Torino, che durante l’era napoleonica giustiziò oltre cinquecento condannati a morte. Se non è proprio un aristocratico, anche questo progenitore però può diventare un’operazione di marketing! Gambarotta costruisce un romanzo che è satira dei costumi, quelli legati al marketing, alla politica, ai social media, facendoci divertire e riflettere.
Miniatura copertina
Dadi e bulloni : Sette piccole invenzioni che hanno cambiato (parecchio) il mondoDadi e bulloni : Sette piccole invenzioni che hanno cambiato (parecchio) il mondo / Roma Agrawal ; traduzione di Andrea Asioli. - Torino : Bollati Boringhieri, © 2023. - 254 p. : ill. ; 22 cm. - (Nuovi saggi Bollati Boringhieri ; 91).Satelliti, grattacieli, turbine eoliche. A un primo sguardo, la tecnologia di oggi può apparire incredibilmente complessa. Spesso ignoriamo il funzionamento persino degli oggetti a noi più familiari, come aspirapolveri, frullatori e smartphone. Eppure, avventurandoci appena al di sotto della superficie, possiamo scoprire che anche il congegno più complicato è composto di elementi più piccoli, inaspettatamente semplici. In Dadi e bulloni l’ingegnera Roma Agrawal ci accompagna in un viaggio che scompone le più straordinarie prodezze ingegneristiche in sette fondamentali invenzioni: il chiodo, la ruota, la molla, il magnete, la lente, la corda e la pompa. Ciascuno di questi oggetti è una meraviglia di design, il risultato di numerosi tentativi e perfezionamenti. Insieme, hanno permesso all’umanità di scorgere l’invisibile, costruire lo spettacolare, comunicare a distanze prima inimmaginabili e persino lasciare il nostro pianeta per esplorarne altri. Delineando i viaggi sorprendenti e le evoluzioni spesso imprevedibili – quasi mai lineari – di ognuna di queste invenzioni attraverso i millenni, l’autrice ci rivela come senza i chiodi romani forgiati a mano non esisterebbe oggi lo Shard londinese, come il tornio da vasaio sia complice nella costruzione delle moderne stazioni spaziali e come modeste lenti abbiano reso possibile, contro ogni previsione, il concepimento di sua figlia. Tenendo bene a mente che l’ingegneria è l’incontro tra progresso scientifico e vicenda storica, Agrawal ci invita non solo ad ammirare queste invenzioni straordinarie, ma anche ad ascoltare le storie, spesso sconosciute, delle scienziate e degli scienziati, delle ingegnere e degli ingegneri che hanno partecipato alla loro ideazione e al loro sviluppo.
Miniatura copertina
L'archibugiata al Cardinale : Milano, 1569: storia di un attentato mancatoL'archibugiata al Cardinale : Milano, 1569: storia di un attentato mancato / Roberto Pozzi. - Missaglia : Bellavite, 2016. - 317 p. ; 21 cm.Farina, Tartaia, Zupèta e Matòch: quattro frati dell'ordine degli Umiliati (quattro mal tra insema, per dirla tutta) vogliono prendersi la loro rivincita sul cardinale Carlo Borromeo, temuto e inviso, misogino e bacchettone, che dal palazzo arcivescovile di Milano impone con rigore ferreo i dettami della Controriforma. E così progettano un attentato, con molta fantasia e poca sostanza, archibugio in spalla e... chissà come andrà a finire? A far da sfondo alla loro (tentata) impresa, una Lombardia di fine Cinquecento, bella e operosa, ma ferita dalle guerre e dai conflitti religiosi, coi suoi tronfi governatori spagnoli, gli umili preticelli di campagna, le donne di paese e i bravacci da osteria.
Miniatura copertina
Innovazione e intelligenze artificiali : Istruzioni per l'uso : Elementi di economia e managementInnovazione e intelligenze artificiali : Istruzioni per l'uso : Elementi di economia e management / Paola Pisano. - Napoli : Editoriale Scientifica, © 2023. - 280 p. : ill. ; 21 cm. - (punto org ; 110).Questo libro è un accostamento di teorie sull’innovazione tecnologica, eventi attuali e esperienze personali: dall’analisi di come Paesi e imprese stanno fronteggiando i cambiamenti introdotti dalle nuove tecnologie, a come strutturare una strategia di innovazione e intuire l'evoluzione del mondo che verrà. Le tecnologie dei microchip, dell’intelligenza artificiale, della robotica e del metaverso vengono approfondite da differenti angolature ma sempre con l’obiettivo di una loro applicazione pratica per migliorare la condizione economica, sociale o politica di Paesi, aziende, cittadini e cittadine.
Miniatura copertina
Il costo della spedizione gratuita : Amazon nell'economia globaleIl costo della spedizione gratuita : Amazon nell'economia globale / Jake Alimahomed-Wilson, Ellen Reese ; traduzione di Federico Biolchi, Nicholas Foletti ed Elisa Pantaleo. - Milano : Altra Economia, 2023. - 318 p. ; 22 cm. - (Le talpe).Le famose “spedizioni gratuite” di Amazon hanno un prezzo pesante, che viene pagato da lavoratrici e lavoratori, dalle loro comunità e dall’ambiente. Una critica radicale attraverso le voci di studiosi, di chi vi lavora e resiste. Amazon è la società più potente del pianeta e il suo amministratore delegato, Jeff Bezos, è diventato la persona più ricca della Storia, nonché una delle poche a trarre profitto dalla pandemia. Il suo dominio ha rimodellato l’economia globale, dando vita all’era del “capitalismo di Amazon”. Amazon è anche una delle più grandi aziende di logistica del mondo. La sua scala e la sua efficienza hanno portato all’indebolimento dei sindacati e alla riduzione degli standard lavorativi. L’azienda è inoltre un fornitore leader di servizi di cloud computing e di sistemi di sorveglianza domestica, per non parlare dell’onnipresente Alexa. Attraverso studi e inchieste internazionali, dagli Stati Uniti all’India passando per l’Europa (Italia inclusa), questo libro esplora le numerose sfaccettature oscure della corporation, tra cui l’automazione, la sorveglianza, il lavoro nell’ambito tecnologico, le lotte dei lavoratori, nonché l’effetto sulla democrazia a livello locale e molto altro. “Il costo della spedizione gratuita” mostra come Amazon rappresenti un cambiamento fondamentale nel capitalismo globale che dovremmo nominare, interrogare ed essere pronti a resistere.
Miniatura copertina
Storia ecologica dell'Europa : Un continente nell'AntropoceneStoria ecologica dell'Europa : Un continente nell'Antropocene / Emilio Padoa-Schioppa. - Bologna : il Mulino, © 2023. - 230 p. : ill. ; 22 cm. - (Le vie della civiltà).Non è possibile raggiungere l'obiettivo di una economia decarbonizzata e circolare, in una parola sostenibile, senza conoscere la storia ecologica dei luoghi nei quali viviamo. Definire l’Europa è un’impresa scivolosa. La sua diversità, la storia evolutiva e i confini mutevoli rendono il luogo quasi proteiforme. Eppure, paradossalmente, è immediatamente riconoscibile, con i suoi caratteristici paesaggi umani, le foreste un tempo grandiose, le coste mediterranee e i panorami alpini. Questo libro illustra scenari ed eventi emblematici che ci aiuteranno a descrivere il rapporto dell'uomo con l'ambiente, evidenziando come l’insieme delle trasformazioni avvenute in Europa abbia contribuito a porre le basi per portare il pianeta Terra nell’attuale epoca dell’Antropocene.
 
© 2007- - Diritti riservati - Banca Popolare di Sondrio - Dati societari